Il calcio è sicuramente lo sport nazionale e la maggior parte dei bambini lo vuole fare come sport. Anche gli adulti amano il calcio e molto spesso gli uomini organizzano delle partite di calcetto con gli amici sia per divertimento che per mantenersi in forma. E allora perché non pensare di aprire un campo di calcetto e farne un business? Vediamo quali sono i pro e i contro dell’attività di calcetto e cerchiamo di capire se avviare un campo di calcetto e un’idea produttiva davvero.

La prima cosa da capire è se questo tipo di attività può diventare una fonte di reddito come molte altre attività sportive. Alcune statistiche hanno rivelato che più del 35% degli italiani si dedica ad una attività sportiva. Va da  sé che con questi numeri, aprire un’attività di calcetto potrebbe essere un’ottima idea.

Entra nella Shopping Community

3 Cose tenere a mente per aprire un campo di calcetto

Avere un socio o un aiuto

Per avviare questo tipo di impresa è necessario avere qualcuno che ci aiuti perché non è sufficiente realizzare il campetto di calcio e sperare che qualcuno decida di affittarlo. Il campo necessita di cure soprattutto se si sceglie di farlo in erba vera e richiede la presenza fisica per tenere sotto controllo l’attività.

Scegliere una misura di campo regolamentare

Un campo di calcetto ha delle misure da rispettare, almeno 25 metri di lunghezza e 15 metri di larghezza fino ad un massimo di 42 metri di lunghezza e 25 di larghezza.  Intorno al campo deve essere previsto altro spazio per le panche delle squadre e deve essere recintato. Una zona facile da raggiungere. Considerando che per aprire un campo di calcetto si deve avere un terreno piuttosto grande, va valutata anche la zona in cui si pensa di aprire. Deve essere facilmente raggiungibile in macchina, con posti di parcheggio sufficienti e possibilmente con dei mezzi pubblici nelle vicinanze.

Avere un budget

Non è un’attività che si può aprire se non si hanno almeno 50.000 euro che serviranno per la realizzazione dei campetti che possono costare dai 5 ai 10.000 euro e poi tutte le infrastrutture necessarie come le illuminazioni, le recinzioni etc. Se poi si pensa di voler coprire il campo di calcetto per usarlo anche durante le giornate piovose, i costi salgono.

Quanto guadagna un campo di calcetto

Abbiamo visto che le spese iniziali non sono poche ma se si riesce a far conoscere bene l’attività alle persone, si potranno avere dei bei guadagni anche il primo anno. In genere, ma dipende sempre dalla località, il costo medio per affittare un campo di calcetto è di 50 euro per una partita di un’ora e mezza. Se si ipotizza di affittare il campo di calcetto almeno per 4 partite al giorno, moltiplicando per tutti i mesi dell’anno, alla fine si rientrerà in meno di un anno dell’investimento iniziale.

Inoltre se si introducono anche delle possibili entrate extra, ecco che il guadagno si farà vedere presto. Infatti si possono aumentare di parecchio le proprie entrate mettendo anche dei distributori automatici di acqua e snack così come la vendita di gadget con il proprio marchio come completi per giocare a calcio.