A partire dal 2007 è possibile accedere alla modalità di estinzione anticipata del mutuo Inpdap, ora mutuo Inps, grazie alla Legge Bersani 7/2007.

Quando è possibile l’estinzione anticipata parziale o totale del mutuo Inpdap? Il nuovo regolamento prevede che l’intestatario del mutuo Inpdap possa, in ogni momento, procedere all’estinzione anticipata parziale o totale del muto senza che venga applicata nessuna penale mentre fino a qualche tempo fa questo non era sempre possibile.

Infatti si poteva procedere all’estinzione anticipata del mutuo Inpdap ma si doveva anche pagare una penale affinché l’Inps rientrasse degli interessi non ancora versati. Ogni rata del mutuo Inpdap, così come tutti i mutui, ha al suo interno una percentuale di interessi valutata in base alla durata del mutuo. Fino all’ultima rata, l’intestatario del mutuo paga infatti una percentuale di interessi sulla somma richiesta.

Estinzione anticipata parziale o totale mutuo ex Inpdap

Man mano che si procede al pagamento della rata del mutuo, si va ad abbassare la quota di capitale residuo, ovvero si abbassa la somma di denaro che deve essere restituita. Quindi la prima cosa da fare è verificare di quanto è il capitale residuo; è sufficiente consultare l’estratto del pagamento delle rate che viene inviato periodicamente dall’ente oppure richiedere direttamente all’ente stesso il cosiddetto “conteggio estintivo”.

O anche, per facilitare questo passaggio, lo stesso Inps mette a disposizione uno strumento di simulazione per avviare la procedura di estinzione anticipata parziale o totale del mutuo ex Inpdap. In questo modo si ha una panoramica piuttosto precisa di quanti soldi devono essere ancora restituiti all’Inps.

Una cosa da verificare per capire se è possibile estinguere in anticipo il mutuo è la data del contratto. Infatti solo i contratti di mutuo stipulati dopo il 2 febbraio 2007 possono accedere a questa modalità senza incorrere in penali di chiusura contratto. I mutui antecedenti al 2007 sono invece vincolati al pagamento di una penale che è stata comunque ridotta grazie ad una legge sempre del 2007

Cerchi un modo per aumentare il tuo potere d’acquisto?

Differenza tra estinzione anticipata parziale e estinzione anticipata totale mutuo

L’estinzione anticipata parziale del mutuo prevede che l’intestatario possa versare una certa somma di denaro per diminuire il debito residuo. In questo caso è possibile scegliere tra due strade:

  1. la prima è quella di mantenere la rata del mutuo così come è, ma ridurre gli anni di pagamento;
  2. oppure si sceglie di ridurre l’entità della rata e mantenere la durata del mutuo stipulato all’inizio.

L’estinzione anticipata totale del mutuo Inpdap è il saldo di ciò che rimane del debito residuo. Non è sempre una scelta conveniente perché generalmente i mutui richiedono il pagamento degli interessi nei primi anni così come prevede la modalità di ammortamento alla francese; l’estinzione anticipata risulta più conveniente nei primi anni e man mano che si procede con il tempo, la convenienza diminuisce.

Come richiedere l’estinzione anticipata mutuo Inpdap

Previa registrazione, si deve andare nel sito Inps e scaricare il modulo “Richiesta anticipata estinzione”, compilarlo ed inviarlo, o consegnarlo, alla sede Inps di competenza. E’ possibile anche procedere in modo tradizionale prendendo un appuntamento alla sede Inps del proprio territorio, dove verranno dati tutti i moduli e le informazioni necessarie.